Contenuto principale

Uic: una 'Cena al buio' per far conoscere le risorse dei ciechi

cena al buio

"Cena al buio" è l'iniziativa promossa dall'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti sezione provinciale di Catanzaro che coinvolge ogni anno diverse realtà: associazioni culturali, professionisti, studenti inseriti nel contesto sociale, politico ed economico della città e provincia. Lo scopo principale é la divulgazione e conoscenza delle risorse di chi vive la disabilità visiva. Si utilizza il momento della "cena" come momento di convivialità in cui , mancando il riferimento visivo, si lascia spazio alla comunicazione, all'ascolto e all'utilizzo di strategie sensoriali compensative. In questo spazio di incontro, organizzato secondo determinati standard di qualità dall'Unione Ciechi ed ipovedenti, avviene un grande scambio di esperienza umana e sociale. Coloro che vivono la disabilità visiva, mettono a disposizione le risorse e le strategie utilizzate nella realtà quotidiana, a favore di coloro i quali vivono la realtà da normodotati. A loro volta, chi vive la quotidiana "normalità", riscopre il piacere dell'ascolto dell'altro, dei suoni e degli odori che percepisce, mettendo in atto energie diverse per compensare la temporanea cecità. Si comprende tranquillamente come tale esperienza possa essere considerata una sorta di sfida personale con se stessi, per la quale non tutti si sentono preparati ad affrontare. Tuttavia, il confronto fra realtà diverse, quali la normalità e la disabilità visiva, in uno spazio definito: la cena, genera in ogni partecipante grandi emozioni e riflessioni. La disabilità visiva non è condizione limitante della normalità, ma è un valore aggiunto della persona che con strumenti adeguati e buona volontà raggiunge elevati livelli di integrazione sociale, politica ed economica. E’ pertanto nell’ottica di organizzare tali manifestazioni con cadenza semestrale, ma soprattutto itineranti per la provincia di Catanzaro che la cena di domani è stata organizzata nella città di Lamezia Terme, luogo molto vicino a quello che è il fulcro associativo dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti la quale oltre ad avere una sua sede sociale nel centro della città, può contare un numero considerevole di soci del comprensorio che fruiscono dei servizi dell’associazione.

Luciana Loprete
Presidente Provinciale